Jack Haig celebra il primo podio australiano alla Vuelta a España dopo Evans

Category: Bahrain Victorious, Ineos Grenadiers 19 0

Il podio della Vuelta a España Jack Haig ( Abbigliamento Ciclismo Bahrain Victorious) ha ottenuto il più grande risultato della sua carriera domenica, ma l’australiano ha rivelato che era un gioco da ragazzi se avrebbe anche preso parte alla gara.

Il risultato di Haig è arrivato dopo essere stato reduce da un grave incidente al Tour de France, dove ha lasciato la gara infortunato nella terza tappa. Inoltre, il suo obiettivo principale per il Grand Tour spagnolo, pre-gara, era quello di aiutare la star locale e il compagno di squadra Mikel Landa ha il maggior impatto possibile.

Tutto è cambiato per Haig in una Vuelta a España sulle montagne russe, dove non era del tutto sicuro del terzo posto fino a quando non è salito sul podio finale a Santiago de Compostela.

“Arrivando alla Vuelta, 10 giorni prima dell’inizio, non sapevo nemmeno che sarei stato qui”, ha detto Haig ai giornalisti poco dopo essere diventato il primo australiano a salire sul podio della Vuelta a España in 12 anni.

“L’intervento di cui avevo bisogno è stato peggiore di quanto mi aspettassi. E quando sono venuto qui, era per fare del mio meglio per aiutare Mikel. Sicuramente non è stato nemmeno preso in considerazione un podio”.

Tuttavia, ciò ha iniziato a cambiare il giorno in cui è riuscito a fuggire al Balcón de Alicante e quando Landa ha iniziato a svanire a causa della sua difficile rimonta dagli infortuni al Giro d’Italia.

“Abbiamo avuto così tanto tempo in quella pausa che all’improvviso sono arrivato quinto o sesto in classifica generale [settimo – ndr], ma non sono mai stato molto fiducioso. Ho solo pensato che avrei potuto anche provarci”.

Poi, cosa ancora più importante, nella prima grande tappa di montagna a Velefique Haig ha fatto di più che resistere, piazzandosi quarto e salendo al quarto posto in classifica generale. Allo stesso tempo, Landa è uscita completamente dalla classifica generale e in seguito l’ha abbandonata.

Da lì in poi Haig ha continuato a rimanere in corsa e sabato è finalmente salito sul podio. Lo sfidante britannico Adam Yates ( Abbigliamento Ciclismo Ineos Grenadiers), tuttavia, era solo un minuto indietro in classifica generale e con una cronometro di 33,8 chilometri rimanenti per correre le cose erano ancora in bilico per quanto riguarda il podio.

“Sapevo che [Yates] avrebbe dovuto impegnarsi molto e ho accettato che probabilmente avrebbe avuto tempo con me in cima alla salita – questa è la parte del percorso che gli si addice davvero”, ha detto Haig ai giornalisti televisivi. ho cercato di rimanere calmo e rilassato e sapevo che se avessi fatto un buon giro, a meno che non fosse stato in una giornata fantastica, sarei andato bene. Sono rimasto rilassato e sono riuscito a farlo. “

Alla fine Haig si è piazzato 17° nell’ultima tappa 21, 26 secondi su Yates. Il podio era nella borsa.

“Abbracciare mia moglie e mio figlio al traguardo è stato piuttosto sorprendente”, ha detto. “Stasera farò una bella cena con la squadra. Non succede solo in uno o due anni di lavoro, sono 15 anni e tanti persone da ringraziare lungo la strada. Non posso ringraziare abbastanza tutti coloro che mi hanno aiutato lungo la strada. “

Haig ha anche reso omaggio al Bahrain Victorious, che non solo ha vinto una tappa con Damiano Caruso alla Vuelta, ma ha anche piazzato al quinto posto il giovane pilota svizzero Gino Mäder, aggiudicandosi il premio come miglior giovane pilota. Nonostante abbia perso Landa, la squadra ha vinto anche la classifica a squadre della Vuelta.

Trionfante anche nel Benelux Tour con Sonny Colbrelli, al 27enne è stato chiesto cosa avesse reso il Bahrain Victorious tanto successo.

“Ad essere onesti, non è niente di speciale nella squadra, ma facciamo molto bene le cose di base. Abbiamo bici, ruote, abbigliamento davvero buoni e, soprattutto, molti ciclisti di classe che si comportano in modo sorprendente”, ha detto Haig, “e i risultati arrivano con questo”.

Dopo aver ottenuto il più grande trionfo della sua carriera fino ad oggi, Haig ha confermato che d’ora in poi cercherà di continuare a cercare di ottenere ulteriori successi nel Grand Tour. Puntare ai migliori risultati della classifica generale era stato il suo obiettivo al Tour de France di quest’estate, ha già provato la classifica generale in altri eventi come la Parigi-Nizza, e questo podio alla Vuelta ha fornito ampie prove che ha la potenza di fuoco per farlo.

Haig è il primo australiano a salire sul podio della Vuelta dopo Cadel Evans nel 2009 e ha aggiunto che i due sono rimasti in contatto.

“Mi ha mandato un messaggio ieri, per congratularmi con me per la mia corsa e augurarmi buona fortuna per oggi, ho un po’ di contatto con lui”, ha detto Haig.

“Vorrei ringraziare tutti in Australia che sono rimasti in piedi per supportarmi e spero che possano venire altre cose. Cadel ha continuato a fare cose incredibili dopo il suo podio alla Vuelta e se potessi fare anche solo la metà di quello che ha fatto lui, sarei molto soddisfatto”.

Related Articles

Add Comment