Tom Pidcock: ho perso il treno ai Mondiali

Category: Ineos Grenadiers 4 0

Tom Pidcock (Gran Bretagna) ha conquistato un meritato sesto posto nella corsa su strada elite maschile ai Campionati del mondo di ciclismo su strada UCI in Belgio dopo aver saltato il break vincente ma attaccando dal gruppo di inseguitori per suggellare il suo miglior risultato in gara.

Il 21enne ha effettuato l’importantissimo split con oltre 30 chilometri da percorrere dopo essere stato ben protetto dai suoi compagni di squadra britannici Ethan Hayter, Jake Stewart, Connor Swift, Luke Rowe e Ben Swift nelle fasi finali della gara.

La squadra britannica è stata una presenza costante in testa alla gara nei primi chilometri ed è riuscita a inseguire diverse mosse nonostante abbia perso il capitano di corsa Mark Cavendish a causa di una malattia a metà gara.

Pidcock ha attaccato negli ultimi giri ma non è stato in grado di rispondere quando l’eventuale vincitore Julian Alaphilippe (Francia) ha attaccato per l’ultima volta a poco più di 17 chilometri dalla fine. Il campione olimpico di mountain bike faceva parte del gruppo di inseguimento ma ha mancato una seconda frazione quando altri quattro corridori sono fuggiti con un giro del circuito di chiusura rimanente.

Tuttavia, il giovane pilota Abbigliamento Ciclismo Ineos Grenadiers ha attaccato verso il traguardo e ha tenuto a bada personaggi come Sonny Colbrelli (Abbigliamento Ciclismo Italia) e Wout van Aert (Abbigliamento Ciclismo Belgio) per finire dietro le medaglie nella sua prima gara da quando ha completato la Vuelta a España all’inizio di settembre.

“Siamo venuti qui per vincere e ho giocato un po’ male le mie carte, ma sono contento di come ho guidato oggi”, ha detto Pidcock dopo aver terminato la gara di 268,3 chilometri.

“I Mondiali sono circa un posto e questo è ottenere la maglia iridata. Nessuno ricorderà chi è stato secondo o terzo oggi. Non importa. Sì, è bello ottenere una medaglia, ma l’anno prossimo, tra due anni , nessuno sa chi sia stato secondo, ma la gente sa che Alaphilippe è stato due volte campione del mondo”.

La corsa di Pidcock al sesto posto – per quanto a lungo duri nella memoria – conclude una splendida stagione di debutto nel WorldTour per lo Yorkshireman, che ha vinto Brabantse Pijl ad aprile prima di prendere il secondo posto nell’Amstel Gold Race e poi correre verso l’oro olimpico prima di fare il suo Grand Debutto in tournée alla Vuelta.

Dopo essere andato al Grand Tour spagnolo in condizioni tutt’altro che ottimali dopo un’estate incentrata sulle mountain bike per le Olimpiadi, Pidcock ha detto che era quasi tornato al top della forma per i Mondiali, ma gli mancava solo un po’ di esperienza nel saper guidare la gara.

“Sinceramente, abbiamo corso come si deve quasi tutto il giorno sai? 270 chilometri di corsa e per me averli nelle gambe alla fine è davvero un buon segno. Mi sento davvero bene dalla Vuelta, ma è stata un po’ di inesperienza Tutti sono in ottima forma e sono i migliori piloti del mondo, quindi ci vuole un po’ di esperienza per vincere, credo.

“[La finale] è stata gatto col topo. Ho pensato che sarebbe stato su questo circuito. Non c’è salita abbastanza difficile da cavalcare, a parte con Alaphilippe. Lo stavo solo risparmiando per un attacco e ho aspettato troppo a lungo e ho perso il treno Alaphilippe ha fatto un giro irreale e fair play con lui.

Annuncio

“Penso che sarebbe difficile raggiungere il picco per le Olimpiadi e questo. Questa è la cosa più importante, sai? Ero al 100% per le Olimpiadi, ho preso un po’ di tempo libero per cercare di costruire fino a questo, ma non ero abbastanza a Al 100% direi. Penso che oggi sia stata principalmente tattica”.

La stagione su strada di Pidcock è ormai al termine, senza il debutto della Parigi-Roubaix in calendario il prossimo fine settimana. Prima di concludere la sua campagna su strada del 2021, però, si è preso del tempo per elogiare il pubblico che si è manifestato a Lovanio.

“Era come correre in uno stadio, non sulle strade”, ha detto. “Era incredibile, come cori e canti. Era irreale, come una partita di calcio”.

Related Articles

Add Comment