Guillaume Martin: Penso di essere un po’ un fanatico delle corse

Category: Cofidis, Squadra PRO 3 0

In questi giorni, è sempre più difficile dire quando finisce una stagione e inizia quella successiva. Giovedì mattina, Guillaume Martin (Abbigliamento Ciclismo Cofidis) era al Palais des Congrès di Parigi per la presentazione del Tour de France 2022, lanciando uno sguardo alle strade che affronterà il prossimo luglio.

Domenica pomeriggio è tornato nel 2021, squadrando la sua lunga stagione con una combattuta prestazione alla Veneto Classic, dove alla fine si è piazzato ottavo in una gara vinta da Samuele Battistella (Astana-Premier Tech).

“E’ stata una settimana strana per me perché lunedì ero già in Italia per la Coppa Agostoni e poi sono tornato in Francia per la presentazione”, ha detto Martin dopo essersi fermato a Bassano del Grappa domenica.

“E’ stata una gara lunga per finire la stagione e anche molto dura. Ho dato quello che mi era rimasto nelle gambe dopo tutta la stagione”.

La prima uscita competitiva di Martin nel 2021 è arrivata al Faun-Ardèche Classic a febbraio e la sua stagione ha ottenuto i primi 10 piazzamenti sia al Tour de France che alla Vuelta a España a entrambi i lati del viaggio in Giappone per i Giochi Olimpici, dopo una primavera intensa campagna che includeva una forte proiezione alla Parigi-Nizza.

Sarebbe stato comprensibile se avesse interrotto la sua campagna dopo aver raggiunto Santiago de Compostela al nono posto assoluto, anche perché aveva subito una caduta pesante nella terza settimana. Invece, è tornato per un’altra mezza dozzina di gare di un giorno in ottobre, per ragioni sia romantiche che pragmatiche.

“Penso di essere un po’ un drogato di corse”, ha sorriso Martin. “Ma c’è anche una corsa ai punti [UCI]. Non tutti lo sanno, ma per le squadre è importante anche non solo vincere le gare, ma avere piloti tra i primi 10 per ottenere dei punti. Ecco perché dobbiamo correre dall’inizio alla fine della stagione.

“Ma è anche un bel modo per concludere la stagione. Bel tempo, bel paesaggio: sono stato felice di scoprire questa gara”.

Raggiungendo il traguardo di Bassano del Grappa, Martin si è assicurato di completare ogni gara da lui iniziata per la terza stagione completa consecutiva. In effetti, la sua sequenza ininterrotta di gare completate ora risale al Trofeo Laigueglia all’inizio della stagione 2018, anche se Martin ha spiegato che il record è semplicemente un sottoprodotto del suo approccio allo sport e alla competizione.

“Il mio obiettivo non è non abbandonare, è fare il miglior risultato possibile. Inizio ogni gara con uno spirito combattivo ed è per questo che non mi arrendo mai. Penso che questa sia la spiegazione principale”, ha detto Martin. “Ma ne sono orgoglioso, dice qualcosa sul tipo di pilota che sono”.

Martin ha ammesso che la sequenza è stata quasi interrotta alla Vuelta di quest’anno, quando la sua caduta nella tappa 16 lo ha lasciato con difficoltà respiratorie per il resto della gara e lo ha visto scivolare gradualmente dal secondo assoluto all’inizio della terza settimana al nono assoluto al finire.

“È stato difficile finire la Vuelta, e davvero se non avessi lottato per un buon posto in classifica, avrei potuto abbandonare”, ha detto. “La settimana dopo ero in cattive condizioni, faticavo anche a stare seduto in macchina, quindi andare in moto era complicato ma ha iniziato a migliorare e ho corso di nuovo ad ottobre. Ma forse sarebbe stato più saggio finire il mio la stagione di allora”.

Related Articles

Add Comment