James Shaw torna al WorldTour con EF Education-Nippo

Category: uncategorized 1 0

Dopo tre stagioni di assenza dal WorldTour, il pilota britannico James Shaw si è fatto avanti per unirsi a Abbigliamento Ciclismo EF Education-Nippo per il 2022.

Shaw, 25 anni, ha già corso per Lotto Soudal nel 2017 e nel 2018 prima di correre per SwiftCarbon, Riwal e Ribble Weldtite in ciascuna delle ultime tre stagioni.

Diventa la nona aggiunta di EF della off-season, dopo il connazionale Owain Doull e Vuelta a España che indossa la maglia rossa Odd Christian Eiking così come Esteban Chaves, Merhawi Kudus, Sean Quinn, Ben Healy, Georg Steinhauser e Marijn van den Berg.

“Ovviamente, con l’eredità di Abbigliamento Ciclismo EF Education-NIPPO e l’immagine che hanno nel ciclismo, è un momento piuttosto orgoglioso poter entrare a far parte di una squadra così storica”, ha detto Shaw della squadra, che ha compiuto 18 anni quest’anno.

“EF è un punto di riferimento nel ciclismo e sono lieto di far parte di un grande futuro nello sport e di contribuire a una base più solida per la prossima generazione”.

Ha aggiunto che il “calendario alternativo” che vede i corridori EF Lachlan Morton e Alex Howes affrontare eventi di ghiaia e di lunga distanza lontano dalle normali corse su strada è qualcosa che lo ha attratto.

“Sembra un concetto davvero attraente ed è qualcosa che ho sentito rappresentato anche da me stesso. Sono una persona che non sempre prende la strada più semplice e segue il flusso, ma prende la strada alternativa e ama anche il lato avventuroso della vita . Sono un po’ diverso.”

Shaw ha detto che il primo gol a cui sta pensando con la sua nuova squadra arriverà ad aprile alle Ardennes Classics, in particolare Liegi-Bastogne-Liegi, dove ha conquistato il quinto posto nell’edizione U23 cinque anni fa.

Gareggiando per il team britannico Conti Ribble quest’anno, ha impressionato in diverse gare collinari, conquistando il quinto posto al Tour of Slovenia e al Tour of Norway, nonché un 14° posto assoluto al Tour of Britain e nono alla corsa su strada dei British Nationals. la sua campagna.

“Le classiche delle Ardenne come Liegi-Bastogne-Liegi e cose del genere sono per me. Penso alle salite brevi e ripide nella tarda primavera nelle Ardenne”, ha detto. “Quelle gare portano davvero un grande livello di retaggio, storia e passato. Hanno un certo peso all’interno della cultura ciclistica, quindi anche questo mi piace. Mi dà una motivazione in più”.

Il CEO del team Jonathan Vaughters ha affermato che Shaw era probabilmente saltato al WorldTour troppo presto la prima volta, essendo passato al Lotto Soudal all’età di 20 anni. Lo ha definito un “momento di rinascita” per il pilota.

“James è andato al WorldTour probabilmente un po’ troppo giovane e si è semplicemente perso nel mix e non sapeva come inserirsi, non si è adattato al loro stile di gestione. Ed è davvero difficile”, ha detto Vaughters.

“Fondamentalmente, ha dovuto ricominciare la sua carriera da zero a 22 anni. Fortunatamente, è un ragazzo davvero intelligente e pieno di risorse che ha appena capito come tornare al ciclismo professionistico e ha dimostrato da allora, con le sue sole gambe, che ha la capacità di essere competitivo con i migliori nel World Tour, quindi questo è il suo momento di rinascita come pilota del World Tour. Tornerà di nuovo nel suo nuovo anno da professionista, solo che questa volta a 25 anni al contrario di un diciannovenne.

“Il novantacinque percento delle persone nella sua posizione si sarebbe arreso. Ho un alto grado di rispetto per lui che non si è arreso, che ha trovato un modo per rientrare. È molto intelligente in questo modo , molto intraprendente.

“Per quanto riguarda dove va, non lo so davvero perché è un progetto diverso in quanto stai aiutando un ragazzo a riavviare la sua carriera. Dove finisce, diavolo, potrebbe essere uno dei migliori al mondo, io non lo so. Non credo che nessuno sappia ancora dove si trovano i suoi limiti.”

La firma di Shaw è l’ultimo passo in una sorta di revisione della squadra EF per il 2022. Con nove corridori confermati che si uniranno alla squadra, molti sono anche in via di abbandono. Mitch Docker e Moreno Hofland si ritirano, Tejay van Garderen si è ritirato all’inizio di quest’anno, Sergio Higuita si trasferisce a Bora-Hansgrohe e Will Barta è in viaggio per Movistar e il futuro di molti altri piloti deve ancora essere confermato.

Related Articles

Add Comment