Miguel Angel López ‘sogna in grande’ per il Giro d’Italia 2022

Category: Movistar 97 0

Miguel Angel López ha descritto il suo ritorno ad Astana Qazaqstan come un ritorno a casa e ha affermato che era “tempo di sognare in grande” mentre delineava i piani per il Giro d’Italia nel 2022.

Lo scalatore colombiano ha lasciato la squadra kazaka, dove è diventato professionista nel 2015, per passare alla Movistar nel 2021, ma il suo incantesimo nella squadra spagnola è durato solo nono mesi ed è finito in acri dopo la sua improvvisa uscita dalla Vuelta a España.

Il contratto con Abbigliamento Ciclismo Movistar di López è stato rescisso dal 1 ottobre e il ritorno ad Astana per il 2022 è stato rapidamente raggiunto, grazie al ritorno al potere del suo vecchio confidente Alexandre Vinokourov e all’uscita dello sponsor canadese PremierTech.

López è attualmente in Spagna per un primo ritiro pre-campionato, dove, sebbene non sia ancora tecnicamente impiegato dalla squadra, ha parlato con i media indossando una tuta Astana-Premier Tech del 2021.

“È come tornare a casa”, ha detto López. “Vedo gli stessi registi di prima, piloti con cui ho corso prima, come Vincenzo [Nibali] e [Alexey] Lutsenko. Sto praticamente riprendendo il percorso di un anno prima.

“Ma vedo che c’è un grande cambiamento nella struttura della squadra. Sono arrivati ​​molti nuovi piloti, come Gianni [Moscon]. Abbiamo piloti di alto livello qui e questo ci rende una delle squadre più forti. C’è una buona atmosfera e siamo concentrati sul lavoro duro. Per me è una nuova sfida tornare e dare il meglio di me stessa”.

López ha sostenuto che era “sempre la stessa persona” e non si sentiva diverso da quando è partito lo scorso inverno, ma ha indicato che era stato plasmato dal suo tempo in Movistar.

Dopo aver firmato un accordo di non divulgazione sul perché e il percome della sua uscita dalla Vuelta, e dopo aver già criticato la gestione di Movistar sui media colombiani, è rimasto sul vago su quella che rimane una ricaduta controversa e misteriosa.

“A volte devi fare dei cambiamenti. Potrebbe funzionare bene, potrebbe non funzionare. Le cose sono andate come sono andate e, alla fine, tutto serve come esperienza, qualcosa a cui aggrapparsi”, ha detto.

López ha preferito invece guardare avanti e ha confermato che punterà al Giro d’Italia nel 2022.

Per qualcuno che è caduto dal podio del Tour de France in una cronometro di penultimo giorno due anni fa, non sorprende che abbia favorito la distanza estremamente ridotta del Giro 2022 contro il tempo, soprattutto quando il Tour 2022 prevede una settimana di apertura caotica di vento e ciottoli.

“Il percorso sia del Giro che del Tour ha attirato la mia attenzione, ma mi concentrerò esclusivamente sul Giro e poi vedremo”, ha detto López. “A questo punto non so se farò il Tour o meno. Metterò tutto per essere bravo al Giro”.

Per quanto riguarda le sue ambizioni il prossimo maggio, ha deviato dal copione standard delle interviste pre-campionato e non ha evitato di alzare l’asticella. È arrivato terzo nel 2018 – come ha fatto alla Vuelta nello stesso anno – e ha fissato il podio come requisito “minimo”.

Con l’uscita dalla Vuelta, il record di López nel Grand Tour è ora di tre ritiri consecutivi, a seguito di un Tour de France pieno di incidenti all’inizio dell’anno scorso – che ha accusato la direzione Movistar di averlo costretto ad abbandonare dopo la tappa 18 – e un incidente nel giorno di apertura al Giro di fine stagione 2020.

Tuttavia, il 27enne ha sottolineato il suo precedente record di pista, con quei podi al Giro e alla Vuelta arrivati ​​in una serie di sei piazzamenti tra i primi sette.

“Penso che ora sia il momento di pensare a qualcosa di grande”, ha detto López.

“Sono stato molto vicino in passato, anche alla Vuelta quest’anno quando ero sul podio [prima della sua uscita]. Sto entrando con grandi speranze, molta motivazione, soprattutto essendo in una “nuova” squadra.

“Possiamo sognare di poter realizzare qualcosa di grande. Ci sono stato molto vicino prima e posso pensare di andare a una tappa e, come minimo, finire nelle prime posizioni, come il podio”.

Related Articles

Add Comment