Team DSM swap Bioracer for Nalini as they develop in-house clothing brand

Category: uncategorized 44 0

Il Abbigliamento Ciclismo DSM ha annunciato una partnership con l’abbigliamento Nalini mentre cerca di accelerare lo sviluppo della propria linea di abbigliamento interna.

Il marchio interno, che prende il nome dall’ethos della squadra di “Keep Challenging”, deve ancora essere lanciato al pubblico ma è stato annunciato all’inizio della stagione 2021 quando lo sponsor principale del Team DSM, Royal Abbigliamento Ciclismo DSM, ha collaborato con il produttore di abbigliamento da ciclismo di lunga data Bioracer.

A quel tempo, un portavoce del team ha detto a Cyclingnews che l’obiettivo era integrare nuove tecnologie nell’abbigliamento per produrre abbigliamento da gara che aumentasse la sicurezza e le prestazioni, con l’obiettivo di ispirare altre squadre, produttori di kit e, infine, l’UCI che la tecnologia può migliorare la sicurezza dei corridori nel gruppo.

Il team afferma che per tutto il 2021 ha integrato con successo due tecnologie nel suo kit. In primo luogo, il materiale Arnitel di DSM è stato integrato nell’abbigliamento antipioggia, con la pretesa di una maggiore traspirabilità a intensità più elevate.

In secondo luogo, il team ha inserito il Dyneema, un prodotto noto per il suo elevato rapporto resistenza/peso, che si dice sia 15 volte superiore all’acciaio, nei suoi pantaloncini, maglie e maniche per aiutare a proteggere i ciclisti in caso di incidente, il che significa in definitiva che viene spesa meno energia. sulla guarigione della ferita nei giorni successivi.

Il Dyneema è stato adottato anche in altre aree del ciclismo, anche per la tomaia delle scarpe Specialized, e persino come morsetto per sella dagli specialisti di componenti leggeri Darimo. In precedenza era stato integrato nell’abbigliamento dallo sponsor del team 2019, Craft Sportswear.

Con il recente annuncio che Bioracer ha stretto una partnership con Ineos Grenadiers, Nalini sembra essere entrata nel posto vacante lasciato alle spalle e fornirà il suo patrimonio di 60 anni e l’accesso allo stabilimento di produzione Moa Sports in Italia, dove viene prodotto tutto il suo abbigliamento.

Nalini è stata fondata nei primi anni ’60 dai fratelli Claudio e Vincenzo Mantovani. Nel corso della sua storia, ha fornito abbigliamento a vari vincitori di gare di alto profilo, tra cui l’assalto di Miguel Indurain al Tour de France nei primi anni ’90, il record dell’ora di Chris Boardman nel ’96 e nel ’99, la vittoria alla Vuelta a España di Vincenzo Nibali nel 2010, vincono i mondi di Mark Cavendish nel 2011, ed è stato anche responsabile della tuta zebrata di Mario Cipollini.

Secondo il team, l’obiettivo di questa partnership rimane lo stesso, con un focus sia sulla sicurezza che sulle prestazioni.

“Il Team DSM, il loro partner principale Royal DSM e Nalini sperano che la loro continua attenzione all’abbigliamento protettivo da gara ispirerà non solo altri team ma anche i leader del settore, e che l’abbigliamento protettivo da gara diventerà più diffuso e una necessità in futuro con i regolamenti UCI,” leggere una dichiarazione della squadra.

Il team ha voluto ribadire l’accelerazione pianificata di questo progetto, con “tessuti di nuova concezione gradualmente integrati con materiali protettivi” in arrivo.

Il kit da gara del Team DSM 2022 è sostanzialmente invariato, con il design generale e la combinazione di colori mantenuti, ma ora con i loghi per l’ondata di nuovi sponsor che sono saliti a bordo.

Related Articles

Add Comment