Jack Haig guarda l’orologio mentre punta al Tour de France 2022

Category: Bahrain Victorious, Jumbo-Visma 35 0

Il Tour de France di Jack Haig si è bruscamente interrotto quest’anno quando si è schiantato nella terza tappa, rompendosi la clavicola e sperando nel successo al primo Grand Tour a cui mirava con ambizioni generali.

Tuttavia, il pilota del Abbigliamento Ciclismo Bahrain Victorious si sta preparando per un’altra occasione nel 2022 con il morale rinfrescato poiché ora sa di avere le carte in regola per esibirsi in tre settimane dopo che il rimbalzo dell’infortunio lo ha portato al terzo posto assoluto alla Vuelta a España.

“Il risultato alla Vuelta mi ha dato un po’ più di fiducia ora per entrare davvero nelle corse a tappe più grandi con la fiducia di potercela fare e di poter ottenere una buona prestazione in tre settimane”, ha detto Haig in una videoconferenza dal Bahrain Ritiro di dicembre in Spagna.

“Mentre andando al Tour de France quest’anno prima di cadere, c’era un po’ di incertezza perché era la prima volta che mi veniva davvero data l’opportunità dalla squadra e avevo anche la pressione su di me per costruire a una gara così grande e prova a esibirti a tre settimane.”

Haig, 28 anni, è passato al Bahrain Victorious dalla squadra con cui aveva iniziato la sua carriera, la Mitchelton-Scott, all’inizio del 2021. Ha ottenuto i primi 10 piazzamenti complessivi sia al Tour de la Provence che alla Parigi-Nizza, poi ha scelto salire di livello al Critérium du Dauphiné con il quinto posto assoluto, essendosi davvero ambientato nella squadra a quel punto della stagione anche se l’anno ha richiesto alcuni aggiustamenti inaspettati all’inizio.

“Tornando all’inizio di gennaio, la squadra è cambiata molto rispetto a ciò per cui avevo inizialmente firmato quando mi sono unito”, ha detto Haig. “Ero d’accordo con Rod Ellingworth, e [al momento della firma] McClaren erano ancora partner, quindi la prima metà della stagione, o forse tre mesi della stagione, sono stati un po’ complicati da adattare non solo per me stesso, ma tutti.

“E poi lentamente, mentre la stagione delle corse è andata avanti forse intorno all’ora della Parigi-Nizza, ho iniziato a sentirmi molto più a mio agio nella squadra e la squadra si stava organizzando e snellendo molto di più nelle corse”.

Il risultato del Dauphiné ne è stato un chiaro indicatore, e poi al Tour de France dove Haig ha offerto un inizio promettente, superando i primi due giorni vicino alla vetta della classifica, ma non il terzo. Non era il Tour de France che si aspettava, e ha anche posto fine ai suoi sogni olimpici, ma nemmeno la Vuelta è stata la gara che si aspettava, anche se questa volta è stata una buona cosa.

“Fare tre settimane consistenti alla Vuelta è stato davvero un grande obiettivo per me, personalmente per dimostrare a me stesso ma anche al mondo del ciclismo che posso essere un contendente alla classifica generale nei Grandi Giri”, ha detto Haig.

L’australiano ha terminato la sua stagione con quella nota alta della Vuelta, dove è salito al piatto dopo che il caposquadra designato Mikel Landa ha vacillato, e prevede di tornare a correre nel 2020 in un evento che probabilmente servirà alle condizioni calde che preferisce .

“La mia prima gara WorldTour sarà molto probabilmente UAE Tour, e poi seguirà un percorso simile, si spera, al Tour de France, come quest’anno. Quindi farò UAE Tour, Parigi-Nizza, forse Catalunya se c’è un opportunità lì, ritiri in quota e poi Dauphiné e poi, si spera, il Tour se tutto va bene”.

Prima di allora, Haig dice che rivolgerà la sua attenzione alla corsa contro il tempo, un’area in cui le sue prestazioni lo hanno visto cadere dietro ai migliori piloti della classifica generale, con il suo tempo nella cronometro finale di 33,8 km del Grand Tour spagnolo quasi a tre minuti dal vincitore di tappa Primož Roglič (Abbigliamento Ciclismo Jumbo-Visma).

“Il team ha capito che dobbiamo migliorare un po’ le prove a cronometro, non solo per me ma per la squadra in generale”, ha detto Haig.

“Abbiamo dei corridori davvero forti qui, quindi stiamo lavorando molto duramente durante questo campo di addestramento di dicembre e a gennaio sull’ottimizzazione dell’assetto del TT e speriamo di poter trasformare i TT più lunghi – per esempio nel Tour de France del prossimo anno alla fine – in un po’ più di un vantaggio piuttosto che uno svantaggio.”

Related Articles

Add Comment