Almeida si rammarica dell’errore della prima salita che gli è costato a Volta un vantaggio in Catalunya

Category: Arkéa-Samsic, Ineos Grenadiers, uncategorized 10 0

Il vantaggio di João Almeida sulla Volta a Catalunya GC è stato uno dei margini sottili all’inizio della tappa 6, con un secondo di vantaggio del leader dell’UAE Team Emirates su Nairo Quintana (Abbigliamento Ciclismo Arkéa-Samsic) vulnerabile agli attacchi sulla tappa collinare delle montagne del Prades.

Pochi avrebbero previsto, però, la strepitosa mossa dalla distanza che ha trasferito la maglia biancoverde dalle sue spalle a quella di Sergio Higuita di Bora-Hansgrohe. Il colombiano ha trasformato uno svantaggio di sette secondi in un vantaggio di 52 secondi verso la fase finale di domenica, dopo aver lanciato un monumentale attacco di 130 km con Richard Carapaz (Abbigliamento Ciclismo Ineos Grenadiers).

Il duo è stato in testa per oltre tre quarti della tappa di quattro ore, dopo essere balzato via su una prima salita classificata della giornata. Almeida avrebbe tagliato il traguardo nel gruppo 48 secondi dietro di loro, le sue speranze di una terza vittoria in una corsa a tappe in carriera sicuramente a brandelli.

Dopo la gara, il 23enne ha ammesso il suo errore sul Coll de les Llebres, essendosi posizionato troppo indietro nel gruppo quando i due sono balzati in testa, essendo stati preparati dal compagno di squadra di Carapaz Luke Plapp.

“Non è stato perfetto”, ha spiegato Almeida dopo il traguardo. “Sinceramente è stato un mio errore. Ho iniziato la prima salita troppo indietro. Ma quelle sono le corse in bicicletta, a volte commetti degli errori.

“E’ stata una giornata dura là fuori. Penso che l’intero gruppo fosse stanco oggi in queste condizioni. Alla fine non è stato poi così male e domani è un altro giorno. Recuperiamo da oggi e vediamo come sono domani”.

La fase finale della Volta, una corsa su circuito collinare intorno al Parc Montjuïc, è spesso dedicata a gare dure e mutevoli, ma il comando della corsa raramente cambia di mano. Carapaz potrebbe essere tentato in un altro assalto per la vittoria, giacendo solo 16 secondi indietro su Higuita, ma per Almeida, una mossa vincente sembra un passo troppo avanti.

Ha detto che lui e il suo team si aspettavano che la tappa 5 sarebbe stata una giornata complicata, resa solo più dura dalla pioggia, ma ha notato che la mossa a lungo raggio è stata inaspettata.

“Sicuramente ci aspettavamo che fosse una tappa dura. Non sarebbe stata facile. Di sicuro sarà dura. È stata una tappa difficile anche con queste condizioni meteorologiche. Di sicuro l’attacco di entrambi, siamo stati Non me lo aspettavo di sicuro.

“Ma come dicevo, alla fine è stato un mio errore partire troppo indietro. Ma comunque grazie ai compagni di squadra che hanno lavorato tanto per noi tutto il giorno. Il lavoro che hanno fatto è stato davvero buono”.

L’UAE Team Emirates aveva controllato il gruppo, o ciò che ne era rimasto, per gran parte della tappa, con Juan Ayuso, George Bennett, Rui Costa e Marc Soler che hanno tutti contribuito al lavoro. Prima degli ultimi 50 km, tuttavia, pochi altri sono venuti in loro aiuto, con Uno-X e Bahrain Victorious tra coloro che hanno contribuito a portare il distacco a due minuti nella salita finale.

“È normale”, ha detto Almeida quando gli è stato chiesto del rifiuto delle altre squadre di svolgere il lavoro. “Abbiamo la maglia di leader e abbiamo anche una buona squadra. Quindi, se fossi al posto delle altre squadre, farei la stessa cosa. Sono le corse in bicicletta”.

Il compagno di squadra di Almeida, Ayuso, si è messo in movimento lui stesso nella discesa dall’ultima salita del Coll de la Teixeta a 29 km dalla fine. È stata una mossa strana con ancora 1:30 da recuperare sulla coppia in fuga, e il 19enne, che ora è quinto in classifica generale, è stato riportato prima della linea. Il suo capo ha spiegato cosa era successo esattamente durante la discesa.

“Avevo forse un po’ troppa pressione [delle gomme], quindi stavo scivolando un po’ in curva. Mi dispiace anche per i piloti dietro di me”, ha detto scherzando. “Ho detto ad Ayuso di andare da solo perché stava facendo una bella discesa.

“Alla fine lui era nel gruppo di testa con alcuni piloti, e io ero in un altro gruppo, e anche loro dovevano lavorare. Alla fine non è stato male. Direi che abbiamo un po’ salvato la giornata in termini di cosa è successo.

“Dobbiamo sempre guardare le cose in modo positivo. Penso che possiamo comunque essere orgogliosi della gara che abbiamo fatto”.

Related Articles

Add Comment