Come Higuita e Carapaz hanno fatto saltare in aria la Volta a Catalunya

Category: Bora-Hansgrohe, Ineos Grenadiers 12 0

Negli ultimi anni si potrebbe probabilmente contare su un lato il numero di gare a tappe che hanno visto i favoriti della classifica generale prendere a pezzi la gara con attacchi di ben oltre 100 chilometri.

Ma in una Volta a Catalunya estremamente instabile, con non meno di sei piloti in testa alla gara in sei giorni, è esattamente quello che è successo nella tappa 6 di sabato.

Un attacco congiunto di Richard Carapaz (Abbigliamento Ciclismo Ineos Grenadiers) e Sergio Higuita (Abbigliamento Ciclismo Bora-Hansgrohe) sulla salita di prima categoria – 130 km da casa – ha aperto una tappa bagnata dalla pioggia attraverso le poco conosciute sierre della Catalogna meridionale. A sua volta, ciò si è consolidato in una mossa che ha lasciato il leader della corsa João Almeida e l’UAE Team Emirates sul piede posteriore, in gran parte isolati e infine sconfitti.

Al traguardo, quando Carapaz e Higuita – in precedenza terzo e nono assoluto rispettivamente a sette e 27 secondi – hanno tagliato il traguardo, avevano quasi un minuto su un gruppo di inseguitori principali in frantumi.

Ma non importava. In un giorno in cui l’ecuadoriano e il colombiano hanno strappato il solito copione su come si possono vincere e perdere le principali gare a tappe, Higuita era passato in testa mentre Carapaz era secondo assoluto e aveva conquistato la vittoria di tappa per l’avvio.

Più precisamente, come ha detto Higuita al sito web spagnolo Zikloland, “è un palcoscenico di cui potrò parlare ai miei figli”.

Affinché una mossa del genere funzioni – ed è un altro esempio opportuno per gli organizzatori di gare di come gli arrivi in ​​vetta non debbano fornire le gare più spettacolari – un fattore è stato sicuramente il percorso della tappa.

La parte più difficile all’inizio, con una salita di prima categoria del Col de les Llebres nei primi 40 chilometri, il resto della giornata è stato uno slittino senza soste su strade tortuose e ondulate attraverso la catena montuosa del Prades sopra le città di partenza e arrivo di Salou e Cambrils. Gettando sotto una pioggia battente, un gruppo già seriamente stanco dopo cinque giorni di gare dure e una classifica generale molto fitta in piedi anche dopo due giorni sui Pirenei, e hai avuto un sacco di carburante grezzo per la gara che ha preso fuoco come ha fatto.

“Ci stavo pensando molto venerdì sera e sono andato dagli altri due registi e ho detto ‘Ho un’idea ragazzi, è là fuori, ma non abbiamo niente da perdere e cosa ne pensate ?’ E ho anche parlato con il nostro allenatore di gara, Mikel Artetxe, che è anche l’allenatore di Carapaz”.

La chiave di tutto era avere un pilota forte per spezzare la gara all’inizio, e in questo caso Luke Plapp era la soluzione ideale.

“Sapevo che Luke è stato fresco all’inizio, soffrendo alla fine solo perché è nuovo in questa roba del WorldTour, quindi ho chiamato il suo allenatore e gli ho chiesto su quale potenza poteva sedersi per una salita di 20 minuti e gli ho chiesto se poteva andare tutto -in”, disse Lancaster.

“Poi c’era il brutto tempo da considerare, quindi abbiamo pensato ‘assicurarsi che tutti siano ben riforniti e che abbiano le giacche in cima alla salita e così via. E ci daremo una possibilità”.

Una volta che Carapaz, Higuita e Plapp stavano risalendo la scalata di prima categoria, facendo a pezzi il campo, come disse in seguito Higuita, divenne l’unico sopravvissuto del piano di battaglia iniziale degli Ineos Grenadiers. Ma nemmeno lui era lì per caso.

“Oggi [sabato] era il piano per andare in testa alla classifica generale con Sergio e, come ogni appassionato di ciclismo può immaginare, non era il nostro piano salire sulla prima salita.

“Ma la nostra macchina da ricognizione con Bernie Eisel ha detto che c’era molto vento in poppa sulla prima salita dopo i tornanti e volevamo che i ragazzi fossero in testa. Poi è stato chiaro che con le strade tortuose bagnate sarebbe stato davvero complicato nella parte posteriore, e questo è stato ancora di più così abbiamo visto che Almeida è stato eliminato e la squadra degli Emirati Arabi Uniti era in difficoltà”.

“Hanno spinto avanti e Luke ha avuto un po’ di freddo. È stato lasciato là fuori con Higuita e Carapaz – è stato molto difficile là fuori”, ha detto. “Ma è stata una giornata molto tortuoso e sapevo che sarebbe stato difficile per le squadre salire da dietro. Quindi”, ha detto con una risatina, “è stato il piano generale che ha dato i suoi frutti”.

L’esaurimento generale che attualmente sta colpendo molti corridori della Volta ha avuto i suoi effetti benefici su coloro che sono ancora abbastanza forti da trarne il massimo, ha riconosciuto Pomer.

“Non solo cadaveri stanchi, penso un sacco di cadaveri. Quando guardi la lista di partenza così tante squadre hanno abbandonato. Non ci sono molte squadre qui con più di sei corridori” – solo Euskaltel-Euskadi delle 23 squadre è completamente intatto – “Ciò ha anche reso più probabile la possibilità della fuga per arrivare al traguardo”.

Inoltre, una volta che Plapp ha svolto il suo lavoro e si è seduto esausto, la corporatura fisica dei due piloti li ha resi una buona partita in movimento, in termini di aerodinamica e sforzo.

Quindi era meno probabile che uno lasciasse cadere l’altro, e infatti rimasero insieme fino all’arrivo a Cambrils tre ore intere più avanti. È stato anche simbolico della loro forte collaborazione che subito dopo il traguardo, il colombiano e l’ecuadoriano si sono scambiati un rapido abbraccio di reciproco ringraziamento.

Related Articles

Add Comment