Pidcock: Gent-Wevelgem, duro e veloce, non finirà con uno sprint di gruppo

Category: Jumbo-Visma 2 0

Il fitto programma primaverile di Tom Pidcock non includeva originariamente Gent-Wevelgem, ma dopo essere stato stroncato da un problema allo stomaco nelle ultime settimane, il britannico ha preso la linea di partenza a Ypres domenica per accumulare alcune miglia in più prima del Tour of Fiandre.

Il leader degli Ineos Grenadiers è stato costretto a saltare le Strade Bianche, il suo primo obiettivo dichiarato della stagione su strada, a causa di un virus allo stomaco. Nonostante sia tornato in seguito alla piena formazione, è stato nuovamente afflitto dalla questione alla Milano-Sanremo, dove ha abbandonato dopo essere stato allontanato a Capo Berta.

“Pensavo di stare bene andando a Sanremo, ma poi ovviamente non lo ero, con zuccheri extra e pressione sullo stomaco. Penso che non ci sia davvero qualcosa di magico che puoi fare per aggiustarlo, ma penso che ora dovrebbe andare bene .

“Prima di Sanremo stavo andando molto bene. Ecco perché dopo sono rimasto un po’ sorpreso e anche abbastanza deluso”.

Pidcock inizialmente doveva fare il suo ritorno alle competizioni al Dwars door Vlaanderen mercoledì, ma è stato un’aggiunta a sorpresa in ritardo alla formazione Ineos per Gent-Wevelgem quando è stato annunciato sabato pomeriggio.

Ha minimizzato l’idea che avrebbe cercato di portare la gara al favorito del vincitore dell’E3 Saxo Bank Classic Wout van Aert (Abbigliamento Ciclismo Jumbo-Visma). All’Omloop Het Nieuwsblad di febbraio, Pidcock ha attirato l’attenzione con la sua offensiva sui Berendries in compagnia dell’eventuale vincitore Van Aert.

“Oggi si tratta di provare a seguire. Non si tratta di fare la gara oggi”, ha detto Pidcock. “Non sono al 100 percento, ma mi sento bene, sono in buona forma. Penso che l’importante sia finire oggi con un buon feeling. Questa è l’idea. Fare un’altra gara è positivo”.

Pidcock non ha mai corso Gent-Wevelgem da professionista, ma conosce gli aspetti del percorso, comprese le strade sterrate delle Plugstreet, grazie alla sua esperienza nelle versioni junior e under 23 dell’evento. È anche consapevole del fatto che Gent-Wevelgem raramente, se non mai, segue un copione prestabilito.

“Onestamente, oggi non c’è un punto in cui la gara va: può essere ovunque ed è difficile da questo punto di vista”, ha detto Pidcock, che si schiera insieme a Dylan van Baarle, Jhonatan Narváez ed Elia Viviani nella rosa di Ineos. “Elia è qui nel caso ci fosse uno sprint e cercherà di arrivare il più lontano possibile”.

I cieli grigio ardesia e le nubi basse che cadevano su Ypres domenica mattina avrebbero potuto essere sollevati da una canzone di Jacques Brel, e quelle prime condizioni suggerivano che il vento potrebbe non essere un fattore decisivo in questa edizione di Gent-Wevelgem.

Ciononostante, Pidcock era convinto che la gara difficilmente si sarebbe conclusa con uno sprint di massa su Vanackerestraat domenica pomeriggio.

“Il vento è una parte importante in questa gara, anche se con la nebbia che abbiamo qui non so quanto sarà forte il vento. Probabilmente si alzerà più tardi”, ha detto Pidcock.

“Non ho mai corso questa gara prima, quindi guarderò all’esperienza degli altri ragazzi del team per vedere dove sono i punti chiave. Ma di sicuro la gara sarà veloce e sarà dura ed è non sarà uno sprint di gruppo, ne sono abbastanza sicuro”.

Related Articles

Add Comment